FRAIS-Pian GELASSA

23 Marzo 2014 gianfranco camminate itinerari

PIAN GELASSA  1529 m. inferiore e 1560 circa superiore

Località di partenza : Frais piazzale chiesa 1493 m circa

Dislivello              :  m. 70 circa

Tempo di salita     :   ore 1,30 circa

 

ITINERARIO 1

Dalla chiesa seguire la strada asfaltata in direzione Susa, superare la zona del Vales e quindi il bivio dove dalla strada asfaltata si diparte la strada sterrata del Gran Serin e arrivare a prendere poco dopo la deviazione su asfalto per Pian Gelassa; seguirla salendo fino ad incontrare il gruppo di case de La Brà 1471m.. (sulla dx dalle quali si diparte una sterrata che sale nei prati in diagonale dx portando al gruppo di case de Le Draie (1489 m.).

Proseguire sempre sulla stessa strada asfaltata e in breve tempo si arriva al piano dove l’asfalto cede il passo allo sterrato che porta deviando a sx ad attraversare su ponte fittizio il rio Gelassa poco dopo il quale c’è il primo gruppo di case di Pian Gelassa.

Proseguendo si superano i ruderi dell’impianto dismesso della ex ovovia, si sale un ultimo tratto che porta al piano soprastante dove ci sono altri ruderi a testimonianza di un fallito insediamento degli anno 70 di villaggio turistico. Sulla sx la strada prosegue in sterrato scendendo fino al Trucco della Losa (1305 m.) mentre verso la montagna, di fronte ai ruderi di un albergo, sale uno sterrato che superate alcune case disabitate prosegue salendo verso i Gias andando fino al piano superiore di Punta Faliera dove arrivava la ovovia e partiva lo skilift alto che saliva lungo la dorsale del monte Pintas. A dx la strada va verso la vecchia bergeria ora ristrutturata dove poco dopo finisce a perdersi nei campi scendendo i quali si ritorna al ponte sul rio Gelassa.

Ritorno: seguendo la via di andata o uno degli altri  ITINERARI con possibilità di chiudere un anello

 

ITINERARIO 2

Seguire l’itinerario 1 fino alle case La Brà da qui salire diritti verso zona Pracornù (1535 m. circa) fino ad incrociare un sentiero o tracce di esso che arrivando da Le Draie prosegue verso est fino ad arrivare al pian Gelassa nei pressi del rio omonimo.

Ritorno: seguendo la via di andata o uno degli altri  ITINERARI  con possibilità di chiudere un anello

 

ITINERARIO 3

Dalla chiesa seguire la strada asfaltata (via Arguel) che salendo porta ad incrociare la carrozzabile sterrata per l’alpe Arguel e Gran Serin. Dall’incrocio seguire per breve tratto la strada in discesa fino ad arrivate nei pressi degli impianti di risalita dove di diparte un tracciato ampio che sale in diagonale  fino all’altezza della Sausea che si lascia sulla dx proseguendo sempre piuttosto ampia verso sx lasciando nell’ultimo tratto la zona delle piste da sci ed inoltrandosi nel bosco di larici e abeti attraversato il quale sbuca nell’ampio pianoro di Faciacia dove ci sono le rovine di alcune vecchie baite. Da qui scendere andando verso est fino ad incrociare il percorso che porta verso Le Draie poi Pracornù e quindi pian Gelassa.

Ritorno: seguendo la via di andata o uno degli altri  ITINERARI  con possibilità di chiudere un anello

 

ITINERARIO 4

Dalla chiesa seguire la strada asfaltata (via Arguel) che salendo porta ad incrociare la carrozzabile sterrata per l’alpe Arguel e Gran Serin. Dall’incrocio seguire la strada in discesa per circa 1 Km. fino ad arrivate quasi all’incrocio con la strada asfaltata circa 100m. prima giusto all’altezza del Vales. Da qui si diparte una antica e desueta mulattiera e tracce di sentiero che sale per breve tratto diritta per piegare poi a sx e proseguire in salita non ripida attraversare Pian Roubù (sui 1600 m. circa) e salendo sempre arrivare nei pressi dell’ultimo tratto più ripido che porta sul pianoro di Faciacia. Non salire ma portarsi a sx verso est cercando il percorso che porta verso Le Draie poi Pracornù e quindi pian Gelassa.

Ritorno: seguendo la via di andata o uno degli altri  ITINERARI con possibilità di chiudere un anello

 

ITINERARIO 5

Dalla chiesa seguire la strada asfaltata in direzione Susa, superare la zona del Vales e poco prima di arrivare alla deviazione di Pian Gelassa cercare sulla dx la partenza dell’antica mulattiera che si trova alla stessa altezza della strada sterrata che dall’altra parte della provinciale, quindi in discesa e a sx, porta a Chiomonte via San Peire e piani della Croce

La mulattiera ora ridotta a sentiero sale fra prati e boschi portando in non molto tempo nei pressi delle Draie da dove ci porta a sx seguendo il sentiero che salendo in diagonale non ripida porta verso Pracornù e quindi al pianoro di Faciacia.

Ritorno: seguendo la via di andata o uno degli altri  ITINERARI  con possibilità di chiudere un anello.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by http://wordpress.org/ and http://www.hqpremiumthemes.com/