FONTANA dël SËBBER

20 Marzo 2014 gianfranco camminate itinerari

FONTANA DËL SËBBER (2.400 m. circa)

Partenza: Frais 1493m. piazzale chiesa

Dislivello : 1000 m. circa

Tempo di percorrenza : 3 ore circa

La fontana si trova nel vallone di Creux già sul lato Val Chisone a circa 2400m di altitudine al di sotto della strada sterrata militare in corrispondenza della ampia curva ad insenatura che essa forma nell’avvallamento che si trova fra i fianchi del  Monte Gran Pelà e del Monte Cima delle Vallette. In corrispondenza della curva si diparte un sentiero che scende nel vallone fino a delle rocce fra le quali si trova la fontana.

A questa curva, dal Frais, si arriva  utilizzando diversi  percorsi che vanno a confluire sulla strada militare sia da Est (lato Punta Mesdì e Ciantiplagna) che da Ovest (lato lago grande del Gran Serin) nonchè direttamente dal basso arrivando dal sottostante Lago Piccolo (2459 m.) via Cresta di Naia o da uno dei tanti percorsi del Vallone.

Salendo infatti da qui (lago piccolo) diritti si incontra, in una ampia curva, la vecchia strada sterrata militare che collega il Colle delle Finestre al Gran Serin passando poco sotto la Cima Ciantiplagna la più alta vetta locale (2849 m.).

Dal punto massimo della curva si diparte un sentierino che in breve discesa, con dislivello di circa 100 m., porta alla fontana del Sebber così chiamata per il caratteristico recipiente in legno nel quale l’acqua sorgiva versa le sue acque.

Tale recipiente, che nel tempo era andato distrutto, è stato di recente sostituito con uno nuovo di ottima fattura. In tale occasione è stato anche posto lì vicino un tavolino di forma circolare che permette una più comoda sistemazione.

Un grazie agli sconosciuti volontari che hanno riportato la fontana alle sue tradizioni.

Discesa : ritornati sulla strada militare:

  • Scendere diretti sotto al lago piccolo e poi scendere utilizzando il vallone dell’Orsiera che, passando nei dintorni di Pian Cavallo, porta direttamente verso i prati dell’Alpe Orsiera percorso però che, in alcuni tratti in discesa, si presenta disagevole.
  • seguendo la strada a est (dx orografica) fino al Colle delle Vallette da dove scende il sentiero che porta a Cresta di naia
  • seguendo la strada a ovest (sx orografica ) fino al Lago del Gran Serin da dove si prosegue verso l’alpe Arguel e poi al Frais

Ricordare sempre che in caso di nebbia qui conviene privilegiare l’utilizzo della strada sterrata che anche con poca visibilità porta sicuramente alla base. I sentieri in zona invece sono percorribili solo con buona visibilità non essendo continui cedendo a tratti all’erba  o risultando interrotti da pietraie.

 

FONTANA D’L SEBBER via del vallone dell’Orsiera

Via del vallone dell’Orsiera alla destra di Cresta di naia che si prende subito prima delle grange Orsiera vicino ad una lapide.

Dal Frais si raggiunge tramite la strada sterrata la curva dove sorge la lapide in ricordo di una donna morta in tale luogo. Da qui si sale nel valloncello, delimitato a est dalla cresta di Cote Borne e ad ovest dalle propaggini in cui scorre il rio Camous che scende all’Orsiera, fino a trovare un sentiero che procede in mezzo alle drose (ontano verde) in salita discreta fino ad un ampio spiazzo chiamato Pian Camous (circa 1900 m) dove  scorre  il ruscello omonimo.

Da qui, dove si gode una bella vista sulle montagne. Il sentiero si divide andando a sx a Cresta di Naia, ben visibile con la sua pineta, in ripida salita per poi diventare quasi piano, mentre davanti verso sud sale in ripida ascesa passando in mezzo agli arbusti  fino a portare al pianoro soprastante (Pian Cavallo) e poi al lago piccolo. Per evitare in parte gli arbusti  conviene prendere le tracce di sentiero a dx che portano a superare il crinale a ovest con camminata più agevole  passando comunque sempre dentro alla vegetazione prendendo poi a sx fino a pian Cavallo (2252 m.) da dove con un’ultima ripida ascesa si giunge al Lago Piccolo (2459 m.) luogo suggestivo da cui si gode di una ottima vista a 360°.

Salendo ancora diritti si incontra, in una ampia curva, la vecchia strada sterrata militare che collega il Colle delle Finestre al Gran Serin passando poco sotto la Cima Ciantiplagna la più alta vetta locale (2849 m.).

Dal punto massimo della curva si diparte un sentierino che in breve discesa, con dislivello di circa 100 m., porta alla fontana del Sebber così chiamata per il caratteristico recipiente in legno nel quale l’acqua sorgiva versa le sue acque.

Tale recipiente, che nel tempo era andato distrutto, è stato di recente sostituito con uno nuovo di ottima fattura. In tale occasione è stato anche posto lì vicino un tavolino di forma circolare che permette una più comoda sistemazione.

Un grazie agli sconosciuti volontari che hanno riportato la fontana alle sue tradizioni.

Discesa :

  • rifacendo il percorso della andata che però in discesa si presenta disagevole
  • seguendo la strada (a dx.) fino al Colle delle Vallette da dove scende il sentiero che porta a Cresta di naia
  • seguendo la strada (a sx.) fino al Lago del Gran Serin da dove si prosegue verso l’alpe Arguel e poi al Frais

Ricordare sempre che in caso di nebbia qui conviene privilegiare l’utilizzo della strada sterrata che anche con poca visibilità porta sicuramente alla base. I sentieri in zona invece sono percorribili solo con buona visibilità non essendo continui cedendo a tratti all’erba  o risultando interrotti da pietraie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by http://wordpress.org/ and http://www.hqpremiumthemes.com/